Cinque modi in cui la Xing Shen Zhuang aiuta la tua colonna vertebrale

Il qi gong della Xing Shen Zhuang è una forma antica e potente che si concentra sulla colonna vertebrale, che nel taoismo viene anche detta il pilastro di giada. Ogni vertebra sostiene il corpo e custodisce il sistema nervoso.

Questa forma di qi gong per la schiena ha lo scopo di integrare la forma (xing) e lo spirito (shen), armonizzando il flusso di qi tra i livelli più densi e più sottili dell’essere.

Per tutti, incluso chi insegna qi gong, nella Xing Shen Zhuang ci sono figure ed esercizi che possono essere molto utili ad aiutare se stessi e i propri studenti.

Scopriamo insieme come risolvere i dolori alla colonna, correggere la postura, rilassare la mente e prepararsi alla meditazione grazie a questa sequenza.

Che, in fondo è la saggezza dei 5 tipi di qi gong e include i passi per praticarlo.

colonna vertebrale e qi gong

Dolori alla schiena: la prospettiva del qi gong

I dolori alla schiena sono spesso causati da tensioni, blocchi, traumi o abitudini scorrette che impediscono al qi, l’energia vitale, di circolare liberamente nella colonna e negli organi interni. Questo ne ostacola il naturale mutamento, che è prerogativa dell’energia del corpo.

Il qi gong della Xing Shen Zhuang agisce su questi problemi con movimenti precisi, flessioni morbide, rotazioni e allungamenti che stimolano i tendini, le ossa, i dischi intervertebrali. Ma, soprattutto, che stimolano i meridiani e i canali.

Grazie a questi movimenti, codificati con saggezza, si possono sciogliere le rigidità, eliminare le tossine, nutrire i tessuti e rafforzare il fisico e la mente.

Inoltre, la forma della Xing Shen Zhuang favorisce la consapevolezza del proprio asse verticale e della propria centratura, migliorando la postura e l’equilibrio. Un investimento sul proprio pilastro di giada, il sostegno principale del proprio movimento, dell’azione e del riposo. Un vero e proprio qi gong per la schiena.

Logo Sorriso Interiore x Xing Shen Zhuang

La postura è fondamentale per evitare disturbi a spalle e lombi. Una corretta posizione delle membra nello spazio permette al qi di fluire senza ostacoli, evitando la compressione degli organi e la deformazione della colonna. Una postura corretta facilita anche la respirazione, il rilassamento e la concentrazione.

Puoi approfondire come questa forma corregge la postura in questa guida completa alla Xing Shen Zhuang.

Sedere a lungo senza dolori a spalle, collo o lombi è l’obiettivo di ogni praticante serio di meditazione taoista. Ogni fitta, infatti, rappresenta una distrazione nell’azione di raccogliere l’attenzione sui punti indicati dalla pratica. Per meditare in posizione seduta a lungo, senza fastidi dovuti alla postura, è necessario mantenere:

  • La colonna vertebrale allineata, rispettando forma e funzione di ciascuna vertebra;
  • La testa gentilmente eretta, ammorbidendo il collo ma ampliando naturalmente gli spazi tra i dischi;
  • Le spalle rilassate e il torace aperto, per consentire la discesa dell’energia (anche mentale) da questo spazio mediano verso la base;
  • L’addome morbido e il bacino stabile, per garantire l’accumulo energetico nel dan tian inferiore, raccogliendolo da altre parti del corpo dove è meno utile.

La Xing Shen Zhuang aiuta a sviluppare queste qualità, oltre che a coltivare lo shen, l’energia psichica e spirituale che si manifesta come un bagliore nei segmenti più avanzati della pratica.

Xing Shen Zhuang - forma e shen

Qi gong per la schiena: cinque metodi per superare i dolori e sviluppare l’energia

La storia del qi gong della Xing Shen Zhuang risale probabilmente a circa mille anni fa, quando fu codificata tra le scuole alchemiche del taoismo. Veniva insegnata al fine di curare i dolori e le distrazioni dovuti alla postura errata, che possono disturbare una seduta di meditazione.

Vediamo come i suoi movimenti e stiramenti supportano il praticante nel suo gong fu di “sedere a lungo” e “aprire l’Orbita Microcosmica”.

1. Conoscere l’anatomia del rachide

La spina dorsale è una struttura miracolosa. È formata da tante piccole perle, che sono proprio le vertebre.

Esse sono ognuna diversa dall’altra, perché svolgono funzioni diverse a seconda della zona della colonna cui si trovano. Le vertebre cervicali, ad esempio, sono le più piccole e mobili, perché devono sostenere il peso della testa e permetterne i movimenti. Le vertebre lombari sono le più voluminose e resistenti, perché devono sopportare il carico del tronco e consentire la flessione ed estensione del corpo.

Oltre alla funzione, le vertebre si differenziano anche per la forma e la struttura.

Conoscere tutto questo è utile per potenziare la propria pratica di qi gong. Infatti, si può portare la consapevolezza in maniera differente nelle varie vertebre, per utilizzarne la forma e la funzione in maniera abile al fine di liberare il qi bloccato, metterlo a disposizione della propria salute e del proprio sviluppo spirituale.

Xing Shen Zhuang - rachide

2. Proteggere gli archi della colonna vertebrale

La Xing Shenz Zhuang insiste sull’arco: ma l’arco della colonna, di cui spesso si parla nel qi gong e nelle arti marziali, è in realtà formato da varie zone che sostengono il peso. Esse si relazionano con la gravità proprio sfruttando la loro forma “a volta“.

Queste arcate vanno protette, lasciando che si sviluppi la muscolatura che le sostiene, così che il qi possa fluire attraverso il rilassamento, anziché la contrazione.

Purtroppo, oggi gli insegnanti di qi gong forniscono spesso l’istruzione di rettificare la zona cervicale e/o lombare, creando vari movimenti innaturali che non rispettano la fisiologia e disturbano, di fatto, il corretto flusso del qi.

Questa antica sequenza si prende cura proprio di questa protezione, arco dopo arco, utilizzando movimenti utili e sensibili.

Tutto questo diventa evidente soprattutto quando si conoscono le attenzioni corrette, si sa come lavorare nella forma interna senza fermarsi a “ciò che si vede, mentre si muove”.

Tutti sanno che stiamo parlando di arti interne, ma vogliono praticarle cercando di imitare quello che gli occhi possono percepire. Che, spesso, nasconde letteralmente la verità dei movimenti energetici.

Soprattutto mentre si riporta il senza-forma nella forma.

3. Includere la saggezza dell’osteopatia nel qi gong

I principi dell’osteopatia si ritrovano anche nelle pratiche di Qi Gong orientale, in quanto entrambe le discipline si basano sull’idea che il corpo umano sia un’unità funzionale e dinamica, in cui ogni parte è in relazione con le altre, e che la salute dipenda dall’equilibrio tra le forze interne ed esterne che agiscono su di esso.

Nella forma della Xing Shen Zhuang, che si focalizza sulla struttura del rachide, è incredibile notare come siano presenti alcuni metodi usati dall’osteopatia per ristabilire l’equilibrio nel sistema osteoarticolare e viscerale.

Per questo, nel videocorso si parla anche di questi aspetti, per tutti coloro che vogliano andare oltre i semplici benefici per la salute e il superamento del dolore alla schiena.

Entrambe le discipline, infatti, mirano a ristabilire quegli equilibri sistemici che influenzano beneficamente la totalità della persona, prevenendo e curando vari disturbi come il dolore, lo stress, l’insonnia, la depressione, le malattie croniche e degenerative.

Ma poi, nel momento in cui si superano questi problemi, il qi gong mira a rivelare le sue potenzialità specifiche. Migliorando la qualità della vita, in una prima fase; per poi potersi concentrare realmente sui propri talenti e il proprio destino.

corso xing shen zhuang online

4. Sgranare il Rosario interiore, con i metodi del Drago

Le vertebre della spina dorsale sono le perle. Ognuna diversa, vanno conosciute per essere usate con saggezza. E le perle formano il nostro rosario interiore, ovvero il rachide.

Ma in questa fase si va ancora oltre: si apprende infatti come sgranare ogni singola perla del rosario.

Tutto grazie alla forza e tenacia del Drago, che ci assiste e protegge in questo processo tanto fisico, quanto basato sullo sviluppo dell’attenzione all’interno.

Infatti, la Xing Shen Zhuang è il ponte tra il lavoro con il qi (qi gong) e quello interno (nei gong) in cui ci si muove verso i reami alchemici taoisti.

5. Aprire i punti dell’Orbita Microcosmica

Questa forma si usa in due fasi distinte del processo alchemico dell’Orbita Microcosmica.

Anche solo da questa informazione si può capire la portata della Xing Shen Zhuang nel corpus di pratica taoista. L’Orbita, infatti, è senza dubbio la pratica più importante dei processi alchemici e di nei gong.

Riportare lo shen nella forma corporea è, ancora una volta, la cerniera per passare dal qi gong, di cui sicuramente questa forma fa parte, al nei gong, il lavoro interiore di cui questa forma è fondamento.

Ecco quindi che l’opera si assottiglia, partendo dal corpo fisico. Infatti solo da qui si può liberare (e produrre) il qi necessario per il progresso e l’abilità, secondo la tradizione del Tao.

Xing Shen Zhuang - esercizi del Drago

Conclusioni: aprire il pilastro di giada e sviluppare lo shen con il qi gong per la schiena

Il qi gong della Xing Shen Zhuang è una pratica preziosa per chi vuole prendersi cura della propria schiena, sia dal punto di vista fisico che energetico.

Con movimenti semplici ma efficaci si possono alleviare i dolori, migliorare la postura, armonizzare il qi, rafforzare e rendere flessibile il rachide. Questa forma è anche un ottimo preparativo per la meditazione, in quanto aiuta a creare le condizioni per una seduta lunga e confortevole, senza distrazioni o fastidi.

Inoltre, la pratica regolare di questa sequenza di figure di qi gong favorisce lo sviluppo dello shen, la luce interiore che illumina la mente e il cuore. Viene utilizzata in due fasi distinte dell’Orbita Microcosmica, la pratica più raffinata (e nascosta) dell’alchimia interiore.

Come sempre, il Tao insegna a integrare la forma e lo spirito. Ovvero il corpo e la mente, il cielo e la terra, se stessi e ciò che è fuori da sé.

Tutti i duali, che sono diversi ma vanno resi Uno per trovare la propria Via Autentica.

Per praticare la forma, puoi accedere alla nostra guida completa alla Xing Shen Zhuang (anche con video).

SCOPRI IL CORSO IN 7 LEZIONI SULLA FORMA E LE SUE CONNESSIONI SEGRETE

corso xing shen zhuang online

SCARICA L’EBOOK SUGLI 8 PEZZI DI BROCCATO (BA DUAN JIN)

8 PEZZI DI BROCCATO – Scarica l’ebook in PDF

Un EBOOK GRATUITO per studiare il prezioso qi gong, sempre con te

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visita la TaoTeca

ARGOMENTI

WEB-STORIES

Suoni che Curano – come praticarli

Suoni che Curano – come praticarli

Suoni che Curano - come praticarliSuoni che CURANOdi Oscar ValentiniLa vibrazione del Suonorigenera le cellule degli organi interniEsiste un SUONO che fa vibrare  ogni singolo organo per questo si chiamano anche SUONI SEGRETIVai all'articoloOgni SUONO ha una...

Come praticare gli 8 pezzi di broccato

Come praticare gli 8 pezzi di broccato

Come praticare gli 8 pezzi di broccatoGLI 8 PEZZI  DI BROCCATOdi Oscar ValentiniIl broccato è così meraviglioso e prezioso con i suoi ricami in oro meraviglioso come  questi esercizi taoisti!ecco come praticare gli 8 pezzi di broccatoalza le...

Scarica l'ebook gratuito sul Sorriso Interiore

Sta sulla sidebar di ogni pagina del blog, per iscriversi

Nome
Consenso GDPR(Obbligatorio)

SCARICA L'EBOOK SUGLI 8 PEZZI DI BROCCATO

Accedi all'ebook in PDF e ricevi anche i migliori contenuti del Tao

Consenso GDPR

Benvenuto nel mondo del SORRISO INTERIORE- stai per ricevere l'ebook nella tua mail!

Pin It on Pinterest