Un dei libri di saggezza del Tao, il Chuang Tsu, racconta delle storie per fa comprendere a tutti il senso della vita secondo il divenire della filosofia taoista.

Ecco un bella parabola, che aiuta a comprendere il senso del Vuoto e del non-agire (wu-wei).

[av_hr class=’invisible’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ icon_select=’yes’ custom_icon_color=” icon=’ue808′ font=’entypo-fontello’ admin_preview_bg=”]

La barca vuota

Se un uomo naviga il fiume ed una barca vuota urta contro la sua, egli non proverà grande rabbia, anche se questi è un uomo irascibile.

Invece, se nella barca che urta ci fosse un’altra persona l’uomo gli griderebbe di levarsi. Gli griderebbe sempre più forte, ed infine comincerebbe a maledirlo.

Tutto questo perché nella barca c’è un’altra persona. Se la barca fosse stata vuota, non ci sarebbero state grida… né rabbia.

Se quando si naviga il fiume della vita si potesse lasciare la propria barca vuota, allora nessuno potrebbe fare danno a questa barca.

Così è l’uomo saggio: benché egli navighi, la sua barca è vuota.

Pin It on Pinterest